About us

L’Associazione Fara Music nata nel 2007 con sede in Fara in Sabina, è l’ideatrice e l’organizzatrice del Fara Music Festival.

Considerato uno dei Festival Jazz più importanti della scena internazionale, è stato inserito per la quarta volta tra i primi 10 Festival nazionali nel referendum popolare della rivista Jazz It.

Giunto alla sua decima undicesima nel 2017 il Festival ha al suo interno dei dipartimenti di musica moderna. I seminari del Fara Music, infatti, sono ormai un appuntamento tra i più seguiti per quanto riguarda la didattica musicale. Studenti provenienti da tutte le parti d’Europa frequentano da 10 edizioni, i seminari del Summer School.

In questi anni il Fara Music Summer School ha offerto l’opportunità di studiare con docenti del calibro di: Danilo Rea, Billy Hart, Jonathan Kreisberg, Chihiro Yamanaka, Orlando Le Fleming, Will Vinson, Max Ionata, Aaron Goldberg, Gregory Hutchinson, Kevin Hays, Reuben Rogers, Maria Pia De Vito, Cinzia Spata, Fabio Zeppetella, Dario Deidda, Umberto Fiorentino, Ramberto Ciammarughi, Greg Burk, Fabrizio Sferra, Ellade Bandini, Ares Tavolazzi, Pietro Leveratto, John Arnold, Jim Campilongo, Kim Plainfield, Lincoln Goines, Antonio Ciacca, Raffaella Misiti, Gabriella Aiello, Susanna Stivali…

Oltre 100 concerti a partire dal 2007 con alcuni tra i più grandi jazzisti a livello nazionale e internazionale tra i quali: John Scofield, Yellow Jackets, Tuck & Patti, Antonella Ruggero, Enrico Rava, Danilo Rea, Billy Hart, Jonathan Kreisberg, Chihiro Yamanaka, Orlando Le Fleming, Will Vinson, Max Ionata, Aaron Goldberg, Stochelo Rosenberg, Rick Margitza, Gregory Hutchinson, Kevin Hays, Reuben Rogers, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Maurizio Giammarco, Rosario Giuliani, Maria Pia De Vito, George Garzone…

Il Fara Music Festival, anche se è stato ideato e realizzato da soli dieci anni, è riconosciuto come un evento culturale e didattico a carattere internazionale, ha ottenuto importanti patrocini: dall’ Unesco, dall’Istituto italiano di Cultura di New York, dall’Ambasciata di Slovacchia e dall’Ambasciata d’Estonia.

Nel 2011 il Festival ha rappresentato il Jazz italiano a New York durante l’Italian Jazz Days invitato dal Lincoln Center (tempio mondiale del jazz), l\’Istituto italiano di Cultura di New York e la Twins Music Corporation.

L’alto valore culturale/didattico/artistico/turistico della manifestazione ha concesso all’Associazione Fara Music di stabilire rapporti continuativi con Istituzioni pubbliche: Senato della Repubblica, Regione Lazio – Assessorato alla Cultura, Provincia di Rieti – Assessorato alla Cultura, Comune di Fara in Sabina, e con altre istituzioni statali e non: come Università La Sapienza di Roma, Camera di Commercio di Rieti, Fondazione Varrone, Consorzio Sabina Dop, e con Partner Commerciali come Enel Distribuzione, Enel Green Power,  RAITRADE, Replay, Cassa di Risparmio dell’Aquila, Helvetia Assicurazioni.

La forza mediatica del Fara Music Festival ha consentito in questi anni di avere una presenza costante sui media locali e nazionali, fino alla presentazione dell’edizione 2012, 2014, 2015, 2017 in prima serata su Canale 5 all’interno del programma televisivo “Striscia La Notizia”.
Di seguito citeremo alcuni degli articoli più significativi pubblicati sulle più importanti testate giornalistiche :

Un piccolo centro e una grande passione, dunque per una volta spendiamo volentieri la parola “miracolo” (All About Jazz)

Fara Music si conferma al centro del panorama dei festival italiani, con grandi ospiti internazionali e l’eccellenza del jazz italiano (Jazzitalia)

Più di 2mila persone, giovedì sera, a Fara Sabina, per assistere al concerto di Antonella Ruggiero. Due ore di vera musica nelle quali la voce storica dei Matia Bazar ha incantato il pubblico (Il Giornale di Rieti)

La quinta edizione del Fara Music Festival non delude le aspettative delle migliaia di spettatori, oltre cinquantamila che nelle passate edizioni hanno assistito ai concerti di questa cittadina posta al centro della Sabina (RAI MUSIC)

Un programma di grande respiro, marcatamente internazionale quello del Fara Music. (L’Unità)

Torna nell’Italia dei Festival John Scofield, e stavolta in esclusiva per il Lazio sarà al Fara Music (Corriere della Sera)

Fara capitale del Jazz. E’ entrato nel vivo il Fara Music Festival, diventato punto di riferimento nel panorama nazionale della musica jazz (Il Messaggero)

Fara offre Jazz super. Laboratori, seminari e un ricco programma di concerti serali (Il Tempo)

Al Fara Music arrivano i più bei nomi del Jazz internazionale (La Repubblica)

A Fara Sabina il jazz coltiva giovani talenti (Il Messaggero).

Il più importante evento dell’area Sabina. Per i suoi grandi meriti artistici, Enrico Rava riceverà la cittadinanza onoraria (E Polis)

“Uno degli eventi musicali più attesi del Centro Italia” (TG3 RAI)

I migliori talenti del Fara Music Summer School ottengono due borse di studio per il Collective School of Music di New York (Andy Magazine)

Il Jazz targato Enrico Moccia è ok. Cala il sipario sul Festival che si è confermato un grandissimo successo sotto tutti i punti di vista (Il Messaggero).

Una sfida partita cinque anni fa che ha visto esplodere in modo esponenziale la manifestazione sia dal lato qualitativo sia dall’importante presenza del pubblico (Il Giornale di Rieti).

Portare la musica fuori dai circuiti tradizionali delle grandi città, in provincia, magari sullo sfondo di uno dei borghi medievali più suggestivi del Lazio; questo è il Fara Music Festival (Jazzagenda).

L’evento, in uno straordinario connubio, ha fatto incontrare l’incantevole atmosfera di un borgo medioevale e le performance di grandi stelle del jazz (International Tourism)

© 2014 - Associazione Fara Music - All Rights Reserved - P.I. 01013970577